Produzione CDR Parona | Pavia

Produzione CDR Parona | Pavia

Lomellina Energia Srl

Parona | Pavia - Italia
  • Tipo di Impianto: Sezione produzione combustibile da rifiuti
  • Materiale trattato: Rifiuti urbani misti
  • Capacità: 200.000 t/anno

La sezione di produzione combustibile del progetto Lomellina Energia, finalizzata ad ottenere un materiale con pezzatura massima controllata, comprende due linee identiche, una delle quali è in stand-by. La sezione di produzione combustibile del progetto Lomellina Energia è finalizzata ad ottenere un materiale con pezzatura massima controllata. Questa sezione dell’impianto comprende due linee identiche, una delle quali è operativa, mentre la seconda è in stand-by. Ciascuna linea è dotata di un trituratore secondario alimentato da un trasportatore a nastro. A monte del trituratore è installato un separatore elettromagnetico per la rimozione di eventuali materiali ferrosi residui. Il trituratore è del tipo a martelli, con un rotore orizzontale ad elevata velocità. I martelli, che possono ruotare liberamente attorno ai perni di fissaggio disposti sulla periferia di dischi solidali con l’albero del rotore, riducono la pezzatura del materiale. Una griglia posta sullo
scarico consente di controllare la pezzatura del prodotto. Ciascun trituratore è installato in un bunker con pareti in calcestruzzo armato ed è provvisto di un canale di ventilazione per lo scarico di eventuali onde di pressione generatesi all’interno del trituratore. Sono monitorate le vibrazioni e la temperatura dei cuscinetti dei trituratori, oltre alla temperatura degli avvolgimenti dei motori. Per assicurare la potenzialità delle macchine, e allo stesso tempo controllare le polveri, è previsto un
impianto di depolverazione che induce un flusso d’aria nei trituratori, dall’alto verso il basso. Sui trasportatori di scarico la tenuta è assicurata da dispositivi rotanti progettati da Ecomaster. Il materiale trattato dai trituratori è raccolto da trasportatori a nastro, sulla cui estremità sono installati in linea degli ulteriori separatori elettromagnetici, a conferma dell’attenzione data in questo progetto alla rimozione dei metalli dal combustibile. Il combustibile è inviato mediante trasportatori a
nastro nell’edificio di stoccaggio, dove è depositato mediante un nastro a navetta. Per l’invio del combustibile al combustore a letto fluido, è utilizzato un sofisticato sistema di alimentazione costituito da due linee, una delle quali è di riserva. Ciascuna linea è dotata di un alimentatore orizzontale, alimentato a spinta mediante pala meccanica, e da una serie di trasportatori che portano il materiale al distributore della caldaia e riportano nel capannone di stoccaggio il materiale in  ccedenza.

09_Parona_GB-web.pdf